Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

AUSL E NUMERI UTILI - CORONAVIRUS

AUSL E NUMERI UTILI - CORONAVIRUS
AUSL E NUMERI UTILI - CORONAVIRUS
Nuovo Coronavirus - Numeri Utili - Quarantena - Isolamento

Coronavirus e numeri utili (scarica qui la locandina)

📞Hai sintomi respiratori e sei stato in contatto con un caso confermato di COVID-19 da 2 giorni prima dell'insorgenza dei suoi sintomi fino a 14 giorni dopo l'insorgenza dei sintomi? Non recarti in Ospedale, Pronto Soccorso o ambulatori ma chiama:
il tuo medico/pediatra
il 118 in caso di emergenze
📞Non hai sintomi respiratori ma sei stato in contatto con un caso confermato di COVID-19 da 2 giorni prima dell'insorgenza dei suoi sintomi fino a 14 giorni dopo dell'insorgenza dei sintomi?
DEVI restare a casa e riferirlo al Servizio di Sanità Pubblica dell'Azienda USL di Modena:
telefona al numero 059.3963663 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle 18.00 e il sabato dalle ore 8.00 alle 14.00.
📞Arrivi o sei rientrato dall'estero?
Tutte le informazioni sui rientri e sulle modalità di segnalazione all'Ausl di Modena sono consultabili tramite la pagina dedicata www.ausl.mo.it/rientroestero. Solo chi non ha la possibilità di compilare i moduli online può telefonare al numero 059 3963663 (dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle 18.00 e il sabato dalle ore 8.00 alle 14.00).
📞Per informazioni è possibile contattare il Numero Verde Regionale 800.033.033 dal lunedì al sabato dalle ore 8.30 alle 18.
📞Hai tra 14 e 20 anni? Vuoi parlare con uno psicologo?
Il Centro Adolescenza è aperto su WhatsApp: il numero 334 6260230 è a disposizione di tutti i ragazzi che, oggi, lontani dalle aule scolastiche e costretti a rimanere a casa, abbiano il desiderio di parlare e confrontarsi con uno psicologo, per qualche consiglio o per raccontare le proprie ansie e preoccupazioni.
Basta inviare un messaggio, scrivendo: nome, cognome, data di nascita e luogo di residenza, e si verrà ricontattati da uno psicologo del Centro Adolescenza più vicino.
📞Guardia Medica: necessario telefonare
Dal 6 marzo 2020 non è più possibile accedere direttamente alle diverse sedi della Continuità Assistenziale (Guardia Medica).
Tutti i numeri di telefono e le informazioni utili disponibili alla pagina dedicata www.ausl.mo.it/guardiamedica

📣‼️➡️RIFIUTI E COVID

alcuni accorgimenti per eliminare i rifiuti in questo periodo di emergenza sanitaria,,soprattutto per chi è in isolamento domiciliare perché risultato positivo al coronavirus (scarica qui la locandina)
 👉In quarantena obbligatoria, per esempio, i rifiuti non devono essere differenziati, vanno chiusi con due o tre sacchetti resistenti e gli animali domestici non devono accedere nel locale in cui sono presenti i sacchetti.
👉Se invece non si è positivi, la raccolta differenziata può continuare come sempre, usando però l’accortezza, se si è raffreddati, di smaltire i fazzoletti di carta nella raccolta indifferenziata

➡️ Indicazioni per la durata e il termine dell’isolamento e della quarantena

ISOLAMENTO➡️ separazione delle persone infette dal resto della comunità per la durata del periodo di contagiosità, in ambiente e condizioni tali da prevenire la trasmissione dell’infezione.
QUARANTENA➡️ restrizione dei movimenti di persone sane per la durata del periodo di incubazione, ma che potrebbero essere state esposte ad un agente infettivo o ad una malattia contagiosa, con l’obiettivo di monitorare l’eventuale comparsa di sintomi e identificare tempestivamente nuovi casi.
😷Casi positivi asintomatici
Le persone asintomatiche possono rientrare in comunità dopo un periodo di isolamento di almeno 10 giorni dalla comparsa della positività, al termine del quale risulti eseguito un test molecolare con risultato negativo (10 giorni + test).
😷 Casi positivi sintomatici
Le persone sintomatiche risultate positive alla ricerca di SARS-CoV-2 possono rientrare in comunità dopo un periodo di isolamento di almeno 10 giorni dalla comparsa dei sintomi (non considerando anosmia e ageusia/disgeusia che possono avere prolungata persistenza nel tempo) accompagnato da un test molecolare con riscontro negativo eseguito dopo almeno 3 giorni senza sintomi (10 giorni, di cui almeno 3 giorni senza sintomi + test).
😷Casi positivi a lungo termine
Le persone che, pur non presentando più sintomi, continuano a risultare positive al test molecolare per SARS-CoV-2, in caso di assenza di sintomatologia (fatta eccezione per ageusia/disgeusia e anosmia 4 che possono perdurare per diverso tempo dopo la guarigione) da almeno una settimana, potranno interrompere l’isolamento dopo 21 giorni dalla comparsa dei sintomi. Questo criterio potrà essere modulato dalle autorità sanitarie d’intesa con esperti clinici e microbiologi/virologi, tenendo conto dello stato immunitario delle persone interessate (nei pazienti immunodepressi il periodo di contagiosità può essere prolungato).
😷Contatti stretti asintomatici
I contatti stretti di casi con infezione da SARS-CoV-2 confermati e identificati dalle autorità sanitarie, devono osservare:
📌un periodo di quarantena di 14 giorni dall’ultima esposizione al caso
oppure
📌un periodo di quarantena di 10 giorni dall’ultima esposizione con un test antigenico o molecolare negativo effettuato il decimo giorno.
Nella circolare si raccomanda di:
📌eseguire il test molecolare a fine quarantena a tutte le persone che vivono o entrano in contatto regolarmente con soggetti fragili e/o a rischio di complicanze;
📌prevedere accessi al test differenziati per i bambini;
📌non prevedere quarantena né l’esecuzione di test diagnostici nei contatti stretti di contatti stretti di caso (ovvero non vi sia stato nessun contatto diretto con il caso confermato), a meno che il contatto stretto del caso non risulti successivamente positivo ad eventuali test diagnostici o nel caso in cui, in base al giudizio delle autorità sanitarie, si renda opportuno uno screening di comunità
📌promuovere l’uso della App Immuni per supportare le attività di contact tracing.

Anche per il mese di dicembre il pagamento delle pensioni avverrà in anticipo.

Una misura prevista da mesi per l’emergenza Coronavirus e che permette a chi deve ritirare l’assegno previdenziale in contanti agli uffici postali di evitare assembramenti e ridurre i rischi di contagio. Per il ritiro delle pensioni alle Poste è stato predisposto, come già avvenuto per gli scorsi mesi, un calendario che è stato comunicato dall’Inps. Il ritiro delle pensioni partirà mercoledì 25 novembre e, seguendo poi il calendario, si arriverà fino al primo dicembre. Si potranno ritirare in anticipo rispetto alle normali scadenze i trattamenti pensionistici, gli assegni, le pensioni e le indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili.

Il calendario per ritirare le pensioni a dicembre
Per il ritiro delle pensioni alle Poste bisognerà seguire un calendario che è stato redatto sulla base della lettera iniziale del cognome dei titolari delle prestazioni. Nel caso in cui i pensionati decidano di delegare altre persone per il ritiro della pensione, bisognerà sempre rispettare il calendario considerando l’iniziale del cognome del pensionato e non quella del delegato.
Ecco il calendario per il ritiro delle pensioni di dicembre negli uffici postali:
Dalla A alla B: mercoledì 25 novembre
Dalla C alla D: giovedì 26 novembre
Dalla E alla K: venerdì 27 novembre
Dalla L alla O: sabato 28 novembre
Dalla P alla R: lunedì 30 novembre
Dalla S alla Z: martedì 1 dicembre
Pensioni, la consegna a domicilio per gli over 75
 Come già avvenuto negli scorsi mesi e sempre per motivazioni legate all’emergenza Coronavirus, per gli over 75 c’è la possibilità di farsi consegnare la somma spettante della pensione direttamente al proprio domicilio. Questa possibilità è prevista solamente per quei pensionati che non hanno già delegato qualcuno al ritiro dell’assegno. Lo scopo è quello di tutelare maggiormente i soggetti più fragili e, quindi, considerati più a rischio a causa della loro età.

Per chiedere la consegna a domicilio è possibile rivolgersi o a Poste italiane, attraverso il numero verde 800556670, o alla più vicina stazione di carabinieri. A consegnare a domicilio la pensione, infatti, saranno proprio i carabinieri.

Ulteriori info al sito www.poste.it